1

ANIMAZIONE: Programmare attività per i bambini e bambine 6-10 anni [Focus 6 anni]

Con questa rubrica proponiamo una serie di schede pedagogiche per preparare le attività di animazione rivolte ai bambini e ragazzi.

Per creare le attività e rendere efficaci il Progetto Pedagogico e di Animazione, l’animatore e l’animatrice devono conoscere con precisione i bisogni e le caratteristiche di tutte le fasce d’età in relazione allo sviluppo fisico, affettivo-emotivo, sociale, cognitivo.

L’attenzione alle esigenze delle diverse fasce d’età è fondamentale per creare un ambiente che rispetti i bambini e i ragazzi.

Sviluppare i ritmi e i tempi del centro estivo e del soggiorno, le attività, i giochi, i modi di comunicare in relazione alle diverse fasce d’età e ai loro bisogni è la chiave per conquistare i ragazzi infondendo in loro un profondo senso di rispetto e rendendo efficace l’azione dell’equipe.

La programmazione differenziata è un grosso impegno sia organizzativo che educativo, consiste nel diversificare le attività e creare tanti “piccoli progetti educativi” mirati, dando importanza alle esigenze e alla crescita di ogni partecipante.

Per una progettazione efficace è importante differenziare le attività in cinque fasce differenti: 6 anni, 7-8 anni, 9-10 anni, 11-13 anni, 14-17 anni.

Tutte le attività, l’organizzazione, la strutturazione del tempo, devono rispettare i bisogni di ogni specifica fascia d’età tenendo conto delle regole di sicurezza fisica, educativa e sanitaria.

Lo studio pedagogico del bambino e del ragazzo in ambito animativo-educativo tiene conto di tre aree principali:

  • AREA dello sviluppo fisico
  • AREA dello sviluppo affettivo e sociale
  • AREA dello sviluppo intellettivo

Questo tipo di studio permette di strutturare:

  • Gli ambienti di animazione
  • Le modalità di comunicazione (linguaggi)
  • Le attenzioni educative dell’animatore
  • Le diverse tipologie di attività

I bambini e le bambine 6-10 sono i “mostriciattoli” del centro: sono i primi che la sera crollano dal sonno e sono i più esigenti sia emotivamente che fisicamente. Amano l’ambiente fantastico, è importante creare per loro spazi temporali dedicati (es. riposo pomeridiano, serate più brevi, etc…) e spazi fisici (sala del riposo, spazio ludico specifico, ecc…) il tutto condito di tanta allegria e moltissime attenzioni alla sicurezza.

I bambini e le bambine 9-10 si sentono più grandicelli dei mostriciattoli, ma hanno lo stesso una gran voglia di giocare! Con loro si incomincia a sviluppare un progetto di autonomia più strutturato e allo stesso tempo amano le storie, i personaggi o i giochi avventurosi.

#giochiamo

Il gioco è il linguaggio naturale dell’essere umano prima di tutto del bambino! Più che un hobby è spontaneità di espressione e il modo che ha di catturare il mondo che lo circonda, per sperimentarsi, per apprendere.

#scopriamo

Tra i 6 e i 10 anni, il bambino ha un forte desiderio di imparare e scoprire. Curiosi di tutto, cercano di capire “perché” e “come funziona”, è importante saper dare le risposte giuste o, ancora meglio, aiutarli a cercare la soluzione.

#sperimentiamo

Per capire le cose e affrontare la realtà, il bambino ha bisogno di manipolare e produrre, di sporcarsi le mani! Sotto i 10 anni il bambino non è autonomo, ha bisogno di sentire la rassicurante presenza degli adulti ma ha anche bisogno di compiti su misura, l’adulto deve aiutare a strutturare l’ambiente intorno a lui.

#instancabili

Hanno una grande voglia di fare senza fermarsi!! Sono infaticabili ma non ancora consapevoli dei propri limiti e hanno anche bisogno di molto riposo. L’adulto deve programmare e equilibrare i ritmi della vita del centro o del soggiorno, del gioco e delle attività con i momenti di risposo.

#tuttinsieme

Voglia di socializzare con i pari, con i più grandi, con gli adulti. Amano i grandi giochi di gruppo, scoprono che ci sono delle regole per vivere bene insieme, iniziano a comprendere che tutti hanno delle opinioni e bisogna tenerne conto: è importante chiedergli “cosa ne pensano”… diventano capaci di dare consigli, ascoltare gli altri e dare il proprio contributo.

#valorialità

Il bambino diventa molto sensibile e attento alle nozioni di giustizia, di equità e di parola… Sono critici verso chi vuole imbrogliare, ci tengono alle promesse, odiano le menzogne, i pregiudizi e le sentenze. Scoprono sentimenti come la solidarietà e la compassione.

#tecnologici

Nativi digitali con Internet e cellulari, sono abituati ad avere accesso a tutto in una volta, cliccano le App, incominciano a comunicare con WhatasApp e conoscono Tik-Tok; tutto rapido ma a volte in modo superficiale.

#fantastichiamo

Il bambino ama “fingere” e raccontare grandi storie; sono principesse, super eroi, veterinari o cantanti.

FOCUS

ATTENZIONI DELL’ANIMATORE e DELL’ANIMATRICE: I 6 ANNI

  • Programmare e gestire l’attività sui bisogni dei bambini
  • Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile
  • Sorvegliare sempre e continuamente i bambini
  • Variare sovente le attività in particolare nei centri estivi e nei soggiorni di vacanza: suddividere la programmazione del mattino e del pomeriggio in due parti (prima parte 1,5 h. pausa poi seconda parte 1,5 h.)
  • Organizzare l’ambiente intorno alle loro esigenze
  • Rassicurare, tranquillizzare e porre dei limiti
  • A quest’età gli animatori rappresentano un papà o una mamma, devono quindi essere in grado di equilibrare l’amorevolezza e la dolcezza con l’autorevolezza, bisogna essere coerenti tra le parole e i gesti.
  • La presenza e l’essere un punto di riferimento sono fondamentali per tranquillizzare il  bambino e la famiglia durante l’esperienza

LO SVILUPPO FISICO

  • Fino ai 6 anni sono gli anni dello sviluppo fisico e delle abilità
  • Prende consapevolezza delle sue diverse parti del corpo
  • Importante è il rispetto dei ritmi perché si stanca velocemente
  • Fondamentale è l’equilibrio tra riposo, pasti, giochi e tempo libero

LO SVILUPPO AFFETTIVO E SOCIALE

  • Parole chiave sono amorevolezza e dolcezza
  • A livello emotivo è molto sensibile
  • Incomincia a distinguere il “bene” dal “male”
  •  attento alla presenza dell’adulto: lo aiuta, lo imita, lo ascolta, lo osserva e lo studia
  • Ha bisogno di essere incoraggiato, aiutato, stimolato
  • Sviluppa il senso della giustizia ed è attento
  • Non è autonomo nella sicurezza, non vede i pericoli (non ha capacità di discernimento) 

LO SVILUPPO INTELLETTIVO

  • Il tempo di concentrazione e di attenzione è limitato
  • Apprende per imitazione
  • Il mondo intorno a lui è una scoperta e allo stesso tempo è enorme
  • Ha bisogno di essere ascoltato e in generale di comunicare
  • Il mondo lo costruisce in equilibrio tra fantasia, creatività e realtà
  • Scopre il mondo che lo circonda utilizzando i sensi e sperimentando